L’Eroica di Gaiole in Chianti si terrà domenica 2 ottobre 2016. Sarà la 20a edizione dell’evento!

Cos’è L’Eroica?

L’Eroica è un evento speciale, da ogni punto di vista, si svolge la prima domenica di ottobre e prevede 4 percorsi di diverso chilometraggio: 38 – 75 – 135 – 205 la partecipazione con bici anni ’80 o precedenti. Una gran bella festa tra vecchie biciclette da corsa tirate a lustro per l’occasione. Tanti i partecipanti, di molte nazioni, gente che ha voglia di divertirsi in bicicletta, cimentandosi con bici e cambi vecchio stampo, affrontando i meravigliosi percorsi del paesaggio senese, dove i colli e i saliscendi regalano delle cartoline indimenticabili.

Taurus e le sue bici sono parte della storia dell’Eroica. Molti di voi hanno affrontato questa magnifica esperienza montando una delle nostre storiche bici. Siamo orgogliosi e ci piacerebbe condividere questi momenti.

Mandateci le vostre foto e saremo felici di pubblicarle sul nostro sito.

Inviaci la tua foto

  • Accepted file types: jpg, gif, png.

Gli artigiani della bicicletta

Il marchio Taurus è nato 105 anni fa, nel 1908. Un marchio che oggi ha il volto degli artigiani che lavorano in una officina che ha un po’ il sapore d’altri tempi, con un lavoro fatto di cura e dettagli

Il telaio d’acciaio in verde scuro, il pennellino che passa a tracciare la linea dorata della decorazione. Non c’è un macchinario dietro, ma un operaio, come un tempo: alla Taurus le biciclette si fanno ancora a mano, una per una. «I clienti stranieri sono entusiasti di vedere il capannone dove si lavora insieme: i giapponesi passati di qua impazzivano a vedere una saldatura fatta a mano, una cosa incredibile per loro», spiega Michele Sardella, che da tre anni insieme ad un socio ha preso in mano lo storico marchio nato a Milano nel 1908. Commercialista a Gallarate, Sardella si è buttato nell’avventura Taurus insieme a Matteo

Verotta, anche lui gallaratese, industriale tessile: «È partito come un hobby, sta diventando un lavoro a tempo pieno, al pomeriggio mi precipito qui», ci racconta in un assolato giorno d’estate, dentro al capannone di via Verdi a Vanzaghello, dove la fabbrica si è trasferita negli anni Sessanta. Gli operai lavorano uno a fianco all’altro, una fabbrica che ha il sapore d’altri tempi: non in un’anonima zona industriale in mezzo al nulla, ma nel mezzo del paese. «Quando arrivano i camion per caricare, per far manovra si blocca mezzo paese, le auto dei vigili si piazzano alle estremità della via a dirigere il traffico», dice ridendo Sardella. «Però al di là di questo non abbiamo particolari problemi, non ci sono lavorazioni rumorose o che creino fastidio». Una realtà sempre più rara, quella di un posto dove la fabbrica non è finita “espulsa” dall’abitato, ma vive ancora in mezzo al paese: sulla strada affaccia un piccolo show room e così c’è chi fa capolino per scegliere direttamente la bici per la nipotina, come fosse in un negozio di ciclista

Le bici da passeggio, quelle da lavoro, le “scatto fisso” da hipster milanesi hanno tutte un’impronta che le contraddistingue: molto è dato dall’eleganza e dalla sobrietà dei colori. Il “grigio Taurus”, il “verde Taurus”, il “Blu diplomatico” nato per le bici del Touring e poi usato anche per altri modelli. Gusto un po’ vintage, in omaggio ad una storia lunga:la Taurus è stata fondata dal bisnonno nel 1908, è rimasta direttamente in mano alla famiglia fino al 2010, quando l’ultimo erede, Virginio, l’ha ceduta ai due soci gallaratesi. Virginio lavora ancora nello stabilimento di Vanzaghello, a fianco di Moreno, Luca e Damiano nella produzione delle due ruote. Brigida e Cristina lavorano tra amministrazione e commerciale, trattando con mezza Europa.